9:00 - 18:00

Siamo aperti dal Lunedì al Venerdì

049.720457

Per informazioni e consulenze

Swap: come salvarsi ed evitare il suicidio finanziario della vostra azienda

In anni di esperienza accumulati sul settore, lo Studio Pinaffo ha studiato a fondo il problema dei derivati swap: le numerose perizie econometriche redatte hanno permesso di esaminare attentamente la struttura dei contratti ed il truffaldino modo di operare delle banche, le quali tendono ad imbrigliare le aziende in un susseguirsi di rovinose operazioni IRS – swap.

La fregatura è insita in molteplici fattori tecnici (come sempre minore è la trasparenza e maggiore sarà l’opportunità di approfittamento da parte dell’intermediario) ma è soprattutto la struttura dei parametri matematici regolanti lo scambio a creare i danni maggiori: le perdite conseguite sui contratti non sono frutto dell’avverso andamento dei tassi di interesse, ma delle formule di scambio dei tassi deliberatamente impostate all’origine a danno del sottoscrittore non professionale.

Quasi sempre i parametri tecnici risultano così complessi e vessatori per la controparte non professionale che senza accorgersene il sottoscrittore si trova a prestare il proprio consenso ad operazioni swap speculative che conducono ad un vero e proprio suicidio finanziario: approfittando di un deficit informativo infatti, l’intermediario struttura le operazioni su derivati in maniera tale da circoscrivere i rischi per la banca e parimenti amplificare esponenzialmente le perdite per il sottoscrittore non esperto … perdite definite non a caso “premi” in quanto costituiscono un guadagno per la banca.

Esaminando attentamente i contratti swap si scoprono tutti gli artificiosi balzelli tecnici, svelando come le strutture procurino perdite a prescindere dall’andamento dei tassi: in anni di attività le approfondite consulenze tecniche redatte dallo Studio Pinaffo hanno fatto emergere questi truffaldini escamotage, consentendo ai malcapitati sottoscrittori di tutelarsi con soddisfazione tramite azioni legali molto più incisive grazie al supporto tecnico, o risolvendo il tutto mediante transazioni stragiudiziali e scavalcando così il contenzioso presso i tribunali.

Gli aspetti da valutare sul contratto swap sono infatti molteplici e prettamente tecnici. Nel qual caso la vostra azienda si trovasse vessata da un contratto swap conviene sempre allora:

– rivolgersi ad un consulente tecnico e/o ad un legale esperto per fronteggiare al meglio la situazione, valutando se vi siano i presupposti tecnici per contestare l’operato dell’intermediario;
– se l’operazione swap è ancora in corso, valutare tecnicamente la pericolosità delle evoluzioni future, analizzando i rischi finanziari per l’azienda nel mantenere in essere il contratto o se invece sia più prudente estinguerlo anticipatamente onde evitare un futuro peggioramento della situazione in funzione allo scenario dei tassi prevedibile;
redigere una perizia tecnica sulla posizione complessiva al fine di instaurare un’azione legale estremamente incisiva (o una trattativa stragiudiziale tramite i legali) e chiedere la restituzione delle somme illegittimamente pagate, nonché l’annullamento-nullità del contratto pendente.

Clicca qui per un parere tecnico preliminare sulla posizione.

Nota – La riproduzione di tutto o di parte di questo articolo è consentita solo citandone la fonte originaria http://www.studio-pinaffo.it

SERVE AIUTO?

Chiedi assistenza per il tuo caso ed un preventivo gratuito per fattibilità e costi

Richiedi preventivo
Attenti alle truffe

Negli ultimi anni la consulenza finanziaria alle aziende in stato di difficoltà verso il sistema bancario ha visto emergere una serie di numerosi consulenti improvvisati, sedicenti società di consulenza ed affini