9:00 - 18:00

Siamo aperti dal Lunedì al Venerdì

049.720457

Per informazioni e consulenze

Antitrust indaga e sanziona consulenti segnalati per pratiche scorrette e messaggi ingannevoli

Le istituzioni contrastano il fenomeno dei “predoni degli indebitati”

 

Sulla scia di importanti sentenze ottenute nel tempo da avvocati e consulenti (seri) a tutela di correntisti ed aziende – a beneficio del risarcimento degli interessi illegittimamente pagati al sistema bancario – nell’ultimo periodo si sta assistendo ad un nuovo fenomeno consistente nella proliferazione di nuove società (cosiddette predoni degli indebitati), che promettono di risolvere i problemi con le banche ed il fisco. Crescono, così, società di consulenza che garantiscono di risolvere i problemi dei debitori, ingannandoli con promesse che non possono mantenere”. Questo denuncia l’Interrogazione Parlamentare n° 4-02858 del 16-10-14, seduta n. 333.

Tali soggetti di dubbia taratura sono oggetto di una crescente attenzione da parte delle autorità di vigilanza, non solo per le indagini e gli esposti presso varie Procure della Repubblica, ma anche per i molteplici procedimenti di accertamento da parte dell’Antitrust.
L’AGCM – Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, meglio nota come Antitrust, è un’istituzione indipendente: si occupa, tra le varie, di contrastare la pubblicità ingannevole, gli abusi di posizione dominante ed opera a tutela di consumatori e microimprese dalle pratiche commerciali scorrette.
L’Ente ha avviato nei confronti di vari soggetti sospetti, dei procedimenti di accertamento e successiva sanzione.
Le pratiche commerciali esaminate dall’AGCM sono infine risultate scorrette ai sensi della legge e del Codice del Consumo, in quanto contrarie alla diligenza professionale e idonee, “mediante la diffusione di un messaggio ingannevole circa le caratteristiche e gli asseriti vantaggi del servizio pubblicizzato, a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio in relazione al servizio offerto dal professionista”.

Di seguito una raccolta dei Bollettini ufficiali AGCM, nei quali risultano pubblicati gli esiti di alcuni procedimenti attuati nei confronti di soggetti segnalati.

 

Bollettino AGCM n.

Del …

Soggetto protagonista di accertamento

Provvedimento sanzionatorio n.

Pratica commerciale indagata,
come testualmente esposta nel Bollettino

Sanzione assegnata per accertamento pratica commerciale scorretta

23 17/06/2013 Consuelo Paravati 24356 Il procedimento concerne il comportamento posto in essere dal professionista, consistente nell’inoltro, a diversi consumatori – al fine di recuperare asseriti crediti, acquisiti dalla società di telecomunicazioni TIM – di atti di citazione in giudizio – per procedimenti che, pur riportando una presunta data della prima udienza, non vengono iscritti al ruolo – presso sedi di Giudici di Pace senza il rispetto del foro territoriale del consumatore. 50.000,00€
26 08/07/2013 Globalrec S.r.l. 24416 Secondo informazioni acquisite ai fini dell’applicazione del Codice del Consumo e le segnalazioni di alcune associazioni di consumatori, il professionista avrebbe inoltrato, a diversi soggetti – al fine di recuperare presunti crediti (in alcuni casi prescritti) – atti di citazione in giudizio – per procedimenti che, alla data indicata, non vengono iscritti al ruolo – presso sedi di Giudici di Pace senza il rispetto del foro competente.
27 15/07/2013 C.I.R. Italia S.r.l. 24423 Il procedimento concerne il comportamento posto in essere dal professionista, consistente nell’aver diffuso, tramite il sito internet www.professionalprogress.it, un messaggio volto a promuovere ingannevolmente la facile possibilità di cancellare dalle banche dati dei cattivi pagatori i nominativi interessati, facendosi pagare, in anticipo, un importo pari ad €490. Le cancellazioni non possono effettuarsi, infatti, ove non ricorrano i presupposti di legge e non siano decorsi i tempi previsti dalla normativa. 10.000,00€
30 05/08/2013 Globalrec S.r.l. 24451 Il procedimento concerne il comportamento posto in essere dal professionista, consistente nell’inoltro, a diversi consumatori – al fine di recuperare presunti crediti (in alcuni casi prescritti) – di atti di citazione in giudizio – per procedimenti che, alla data indicata, non vengono poi iscritti a ruolo – presso sedi di Giudici di Pace senza il rispetto del foro territorialmente competente. 50.000,00€
48 04/12/2013 Consuelo Paravati 24356 Informativa di adozione del provvedimento di chiusura del procedimento, ai sensi dell’articolo 19, comma 2, del Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, clausole vessatorie (di seguito, Regolamento) in relazione al procedimento PS8710 INDEBITI RECUPERI CREDITI.
48 04/12/2013 Globalrec S.r.l. 24451 Informativa di adozione del provvedimento di chiusura del procedimento, ai sensi dell’articolo 19, comma 2, del Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, clausole vessatorie (di seguito, Regolamento) in relazione al procedimento PS8865 GLOBALREC RECUPERI CREDITI.
28 14/07/2014 Ufficio Emergenza Debiti S.r.l. 24989 Il procedimento concerne il comportamento posto in essere dal professionista, consistente nell’aver diffuso, a mezzo web, sul proprio sito internet www.ufficioemergenzadebiti.it, un messaggio volto a promuovere, in modo certo e assertivo, la facile possibilità di:

a) cancellare i nominativi dei consumatori dalle banche dati dei cattivi pagatori;

b) ridurre l’esposizione debitoria dei consumatori.

10.000,00€

 

Per la consultazione completa della banca dati, si rimanda al sito dell’Ente AGCM.

SERVE AIUTO?

Chiedi assistenza per il tuo caso ed un preventivo gratuito per fattibilità e costi

Richiedi preventivo
Attenti alle truffe

Negli ultimi anni la consulenza finanziaria alle aziende in stato di difficoltà verso il sistema bancario ha visto emergere una serie di numerosi consulenti improvvisati, sedicenti società di consulenza ed affini